Platanus occidentalis

PLATANO (Platanus occidentalis) Fam. Platanacee

     Albero alto fino a 30 – 40 m. La specie “occidentalis” è originaria dell’America settentrionale e fu importata in Europa nel XVIII secolo a scopo ornamentale. In alcune zone dell’Italia meridionale e della Sicilia invece si può trovare allo stato naturale la specie “orientalis”.

     Il platano ha un tronco dritto e la chioma arrotondata; la corteccia è caratteristica, soprattutto negli individui giovani, si presenta grigio – chiaro e si sfalda in placche irregolari lasciando visibili le parti sottostanti di diverso colore.

     Le foglie sono grandi, palminervie e profondamente incise in 5 lobi. La stessa pianta porta sia fiori maschili sia femminili: quelli femminili dopo la fecondazione si trasformano in infruttescenze globose che, una volta mature, in primavera liberano i frutti (acheni) provvisti di peli ed alette.

     L’uso ornamentale nelle grandi città è dovuto anche alla sua notevole resistenza all’inquinamento atmosferico. Il legno è di un certo pregio ed è utilizzato per mobili, lavori d’intaglio e per la realizzazione di tavole.

     Il platano (orientalis) si trova citato spesso nell’antichità da diversi autori: Socrate, Ippocrate, Erodoto, Plinio.


  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Codice di sicurezza: