Archivio

Archivio Dicembre 2009

Anche il nostro Istituto contro i cambiamenti climatici

13 Dicembre 2009 1 commento


 

"Come è già successo per moltissime altre specie, l’uomo è destinato a scomparire dal nostro pianeta. Inquina, incendia, costruisce dighe gigantesche, disbosca, uccide. Tutto questo modifica in pochi anni gli ambienti naturali, frutto dell’equilibrio raggiunto in milioni di anni. Le conseguenze sono molte, alcune già visibili, altre prevedibili. L’innalzamento della temperatura dell’atmosfera determinerà danni che si ripercuoteranno sia sugli ambienti che sugli esseri viventi" (Didier).

Prosegui la lettura…

Usi e consumi. Il nostro impegno per il clima e il summit di Copenaghen

Siamo alla vigilia del summit dell’ONU sul clima che si terrà a Copenaghen dal 7 al 18 dicembre 2009. Dai risultati degli incontri bilaterali fra alcuni grandi inquinatori del pianeta (USA, Cina, India e altri Paesi industrializzati o in fase di forte industrializzazione) non si prevedono impegni vincolanti per gli Stati ma solo l’enunciazione di principi (belle parole insomma!). Eppure oggi la tecnologia mette a disposizione molte soluzioni per la riduzione dei gas serra e cercare di arrestare l’aumento della temperatura media dell’atmosfera. Se gli Stati e le grandi multinazionali non trovano un accordo per interventi concreti, ciascun cittadino si può comunque impegnare con piccoli passi: meno rifiuti e un uso più efficiente dell’energia e dell’acqua, cioè meno sprechi. Questo cambiamento dei comportamenti delle persone viene messo al primo posto tra le possibili cose da fare anche dall’ex vicepresidente degli Stati Uniti, il premio Nobel Al Gore, nel suo ultimo libro "Our Choice" (La nostra scelta).

Prosegui la lettura…