Archivio

Archivio Maggio 2009

SCORTECCIAMENTI: I MORSI DELLA FAME


Un fenomeno che quest’anno è particolarmente evidente anche in pianura: il caso della Mandria.

Il clima di quest’inverno è stato più rigido o quantomeno con maggiori precipitazioni  rispetto a quello degli scorsi anni. Negli ambienti naturali, come nei parchi, a soffrire di più della situazione climatica dell’inverno sono stati gli animali. In particolare ciò che ha creato maggiori disagi e, soprattutto, problemi alimentari seri sono state le ripetute nevicate anche in pianura che, unite alle basse temperature, hanno mantenuto il manto nevoso per oltre un mese. Molti animali erbivori, i più debilitati o quelli malati, probabilmente non sono sopravvissuti. Altri si sono adattati come potevano: è il caso dei cervi della Mandria, il parco regionale a qualche chilometro da Torino, la cui proprietà regionale si estende per oltre 1700 ettari, collegato direttamente alla ritrovata Reggia di Venaria Reale. La composizione floristica dominante di questo parco è quella del querco-carpineto, con querce caducifoglie, soprattutto farnie (Quercus robur), ontani (Alnus glutinosa), frassini (Fraxinus excelsior), olmi (Ulmus carpinifolia), aceri (Acer campestre), ciliegi (Prunus avium) e l’invadente robinia (Robinia pseudoacacia). Nel piano sottostante abbondano carpini (Carpinus betulus), noccioli (Corylus avellana), biancospino (Crataegus monogyna), la rosa selvatica (Rosa canina) e altri arbusti.

Prosegui la lettura…

La biosfera


Cosa devi sapere (conoscenze) e saper fare (abilità) al termine dell’unità didattica sulla sfera della vita.

conoscenze

Prosegui la lettura…